VR

Muoversi in un video 360 come in VR: quando il 6-DOF (video volumetrico) fa da collante

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una evoluzione rapidissima del concetto di video, e in meno di tre anni termini prima semi-sconosciuti come video immersivo e virtual reality sono entrati invece a far parte del nostro vocabolario, nel senso che comunque puoi introdurli in un discorso senza che la controparte ti guardi stupita.

Negli ultimi tempi poi, mentre la realtà virtuale sta facendo il suo corso, i video immersivi sono rimasti praticamente allo stesso punto di quando nel 2015 furono introdotti su Youtube. Nessuna modifica sostanziale e un gruppo di portali dedicati ai video a 360 gradi che sono però quasi finiti nel dimenticatoio.

Certamente bisognerebbe però far presente a qualcuno che il vero passo avanti potrebbe arrivare, per esempio, quando la realtà virtuale incontrerà quella dei video immersivi, cioè quando la realtà stessa potrà essere interamente e fedelmente riprodotta attraverso i visori.

Da un lato, infatti, i video a 360 gradi sono limitati ad un singolo punto di osservazione, senza possibilità di movimento. Dall’altro, anche volendo prendere la VR più seriamente possibile, rimane sempre il problema di non poter fare più di 10 passi in avanti senza inciampare in qualche mobile di casa e cadere rovinosamente a terra.

Il punto di convergenza tra i due tipi di tecnologie si è avuto quando si è iniziato a parlare di 6-DOF, ovvero sei libertà di movimento all’interno di un video (avanti/indietro, destra/sinistra, su/giù). Per fare questo (ci hanno lavorato diverse grandi aziende) non si faceva altro che montare più videocamere insieme da posizioni diverse, in modo da simulare un minimo movimento in tutte le sei direzioni allo spettatore che guarderà il video. Questo tipo di video viene chiamato volumetrico, in quanto è come se si creasse una piccola sfera entro cui lo spettatore può muoversi all’interno del video, come se stesse camminando al suo interno, ma senza potersi spostare più di tanto.

Un passo in più è stato fatto quando nel 2017  dei ricercatori dell’Università di Stanford che lavoravano per conto della Adobe hanno ideato un sistema per creare video 6-DOF con una singola videocamera. Praticamente il l’operatore gira per la stanza riprendendo da più posizioni e poi il rendering fa il resto.

 

 

 

VR

From 2D to 3D Internet: how the web could change and (even) take us

Internet it is almost become part of the daily lives of most of the inhabitants of this planet. In the last 30 years the web ‘revolution’ has proved to be one of the fastest changes in humanity thanks to the innumerable benefits that the sharing of information has brought to all people, without distinction between them.

 

Today, a lot of people spend a negligible portion of the day connected to the Net, by means of the various connected devices such as smartphone, tablets and computers. Changes have been so rapid (and still they are, because the thing is going on) that we didn’t realize about them, including the fact that a lot many things in our lives are becoming ‘digital’.

 

The Internet allows us to get the information in real time (with all education roles and related utilities) and to share it, to contact with our loved ones, then it has an entertainment function (games, apps,…), and moreover many people make money online to such an extent that some remote work is more profitable than one in the real world (and, by the way, today everyone knows that to make ‘big’ things you have to work on the web).

There are even people who spend more than half of their day in front of the internet.

Some time ago I read an article saying that nowadays, unlike the past times, we are just ‘avatars’, with a clear reference to the fact of the social profiles and the photos we publish to share ourselves.

I’m not here to talk about these things but about the fact that in such a hypothetical situation like to become avatars, Internet will certainly becomes our virtual world, or our second-half together with the real world. Then, when i see how much how fast internet and its related technologies are growing it appears clear to me that this virtual world is a world we are already building.

You could imagine the internet as a three-dimensional space, and not as a two-dimensional window sequence (as it is now). The web would in fact become 3D as well. One could think of three-dimensional data, as well as objects, and a weighted exchange with the perception of the real world. Anyway, the essential thing about this question is that we would be inside, probably along with other people, and that would mean a virtual world similar to the real one, along with  the same features,  such as websites similar to places (banks, libraries,…) where you have to move to reach them.

There is also the possibility that the virtual web world will remains as it is, a  two-dimensional succession of windows on the browser.  In that case we will feel exactly the perception we now have when look the screen of the smartphone or the computer except that in an avatar world there is no body.